Una poesia colta, raffinata, e tuttavia percorsa da fremiti di sincera ispirazione

                                                                                                             Corrado Calabrò

 

Oreste sta sempre sul cuore della terra.
Vorrebbe ascoltarne le voci.
Non a caso ama il mito e l'archeologia.
Li pensa di trovare la voce degli affetti conosciuti e non conosciuti. E risale risale fino al mondo greco, al fossile non-incenerito.
È un esperimento, un sentire che lo ha spinto fino in fondo come ricerca di autenticità, quasi un rifugio, anche se il presente bussa alle porte con le sue contraddizioni.

                                                                                                                                                                                            Pino Bova

(...) scrittura elegante, imbevuta di classicità ma non "arcaica" bensì estremamente moderna, invece, nella nitidezza di un vocabolario (...)

                                                                                                                  Rocco Familiari

Oreste Kessel Pace custodisce un elemento raro e introvabile, la "religiosità poetica".

                                                                                                                  Dante Maffia

(...) scrittura dal timbro indelebile, eterno come foglie d'acanto frastagliate di vita (...) la realtà del tempo di Oreste Kessel Pace si misura solo nel distendersi della vita interiore, nel recupero di emozioni, di ricordi, di sogni, di sensazioni di immateriale leggerezza offerte anche dal mito, dall'arte, dal sentimento religioso, dalla natura silenziosa, ma vibrante di vita (...)

                                                                                                                      Benedetta Borrata

Uno scrittore dalla terra di Leonida Repaci, imprevedibile ma solo quando è un visionario!

                                                                                                                  Walter Pedullà

(...) Ecco allora il primo passo di Oreste Kessel Pace: la ricerca dell’illuminazione, una ricerca che non può evidenziarsi nel presente liquido e disperso, ma nel passato, in quella stazione del tempo che consente di ritrovare la via maestra, la via della storia, la stagione del mito, luoghi dove tutto appare più decantato, dove tutto è scritto a caratteri indelebili e dove è più facile trovare un’occasione di liberazione e riconoscere la verità. Questo è il suo mondo appagante, questo è il mondo dove l’universo prende vita perché gli dei, i simboli e le statue parlano ed egli stesso ascolta le risposte, nutre l’anima, sublima le emozioni. Dunque, alimenta concretamente la sedimentazione delle asprezze presenti e angoscianti e favorisce la rinascita.

                                                                                                                    Pino Bova

Un autore dalle grandi doti affabulatorie, inossidabile carattere di narratore con capacità di costruir intrecci e parole. Oreste Kessel Pace forgia la corretta ricostruzione biografica della vita di personaggi straordinari ma non si accontenta di avvincerci con la sua penna intinta nella fantasia intrisa di tecnica narrativa, ci vuole catturare anche con il fascino tutto particolare e unico del romanzo storico.

                                                                                                                   Paolo Ascagni

​​

 

 

Con un linguaggio elegante ed avvolgente incide i personaggi con mano esperta, entro un passaggio dell’anima, sullo sfondo di una Natura partecipe e tormentata.

 

                                                                                                     Emerito prof. Antonio Piromalli